Le Parole di Hurbinek 2024 - II edizione

SINGER OF TALES | Damir Imamović

Damir Imamović in concerto

Singer of tales

con Žiga Golob (basso acustico), Derya Türkan (maestro del Kemence turco)

Concerto della band di Damir Imamović, una delle figure e delle voci più interessanti della sevdalinka, la canzone urbana bosniaca fortemente legata a Sarajevo. Francesco Martinelli, storico della musica, ha reso possibile l’incontro di Hurbinek con questo artista.

La parola sevdah deriva dall’arabo sawdah, che significa letteralmente “bile nera”, ed ha viaggiato dal Portogallo (saudade) alla Turchia (sevda) per esprimere il desiderio e l’amore. La forma musicale può essere fatta risalire al XV secolo e si è evoluta nei caffè di Sarajevo e Mostar del XIX secolo. Divenne popolare in tutta la nuova nazione della Jugoslavia negli anni ’20 e ’30 e fu un punto fermo dell’intrattenimento di massa durante il periodo comunista dal 1945 al 1990. La sevdah rischiava di diventare una reliquia fuori moda durante l’epoca di Tito, ma durante la guerra di Bosnia ha assunto un nuovo e più grande significato per le giovani generazioni, tra cui Damir Imamović.

“Quando è arrivato il momento di accettare la sevdah come mia vocazione – racconta Imamovic – era già l’inizio del XXI secolo. Mi affrettai a incontrare gli ultimi maestri rimasti e andai a caccia di vecchie bobine di nastro, di incontri privati, di esibizioni rare e di canzoni insolite”.

La musica e i concerti di Damir Imamović ci fanno sentire e conoscere la rete fluida di connessioni attraverso la storia delle tradizioni musicali ebraiche e musulmane, della musica della Spagna, della Grecia e dei Balcani, dissolvendo così muri e confini.


Damir Imamović è un cantante, musicista, autore e maestro di sevdah di Sarajevo e rappresenta una nuova generazione della musica tradizionale della Bosnia-Erzegovina. Dal 2005 Damir si esibisce con il suo trio, il quartetto “Sevdah Takht” e collabora con Jelena Popržan, Eric Vloeimans, Greg Cohen e Derya Türkans. Ha registrato 6 CD per etichette diverse (Glitterbeat Records, Wrasse Records) e ha collaborato con produttori come Chris Eckman e Joe Boyd. Con i suoi numerosi progetti Damir è stato in tour in Cina, Messico, Europa e Stati Uniti, esibendosi in sedi prestigiose come il Kennedy Centre (Washington DC) e il Centre Pompidou (Parigi).

Derya Türkan è un maestro del kemenche turco (violino a tre corde). Suona un repertorio di musica improvvisata e un repertorio di musica classica ottomana. Nel 1990 è stato invitato come musicista ospite dell’Istanbul State Turkish Music Ensemble, diretto da Necdet Yaşar, e si è esibito con loro per 7 anni. Nel 1991 è entrato a far parte di TRT Istanbul Radio, dove ha registrato con molti grandi artisti turchi come Alaadin Yavaşça, Bedri Sıdkı Sezgin, Niyazi Sayın e Erol Deran. Dal 1992, Türkan ha suonato con il gruppo Kudsi Ergüner e con l’Anatolian Group, diretto da İhsan Özgen. Türkan collabora innumerevoli musicisti e si è esibito in tutto il mondo.

Žiga Golob è un contrabbassista che suona con diversi gruppi e in molti continenti, raggiungendo con la sua musica numerosi campi dell’arte. Ha contribuito a più di cento album pubblicati in Slovenia e all’estero. Nell’autunno 2018 sono state pubblicate le sue improvvisazioni per contrabbasso solo, Spaces II.



il Funaro Centro Culturale

Spettacolo fuori abbonamento

Date

  • domenica, 28 Gennaio 2024
    ore 17:00

Prezzi

euro 6,00

Prevendita Biglietteria Teatro Manzoni 0573 991609 – 27112 (orario: martedì e giovedì ore 16/19; mercoledì ore 11/15; venerdì e sabato ore 11/13 e 16/19); la sera dello spettacolo, la biglietteria aprirà dalle ore 16 presso il Funaro (0573 977225)

 

Biglietterie

Biglietteria Online