STAGIONE SINFONICA 2022 / 2023

ORCHESTRA LEONORE | DANIELE GIORGI | MAO FUJITA

ORCHESTRA LEONORE

DANIELE GIORGI direttore

MAO FUJITA pianoforte


Sergej Rachmaninov Concerto per pianoforte e orchestra n.3, op. 30

Robert Schumann Sinfonia n. 3, op. 97 “Renana”


Repliche concerto:
mercoledì 10 maggio – Conservatorio “G. Verdi” Torino (solisti: Vlad Stanculeasa violino, Simone Briatore viola)
venerdì 12 maggio – Teatro Alighieri Ravenna


Per il finale di Stagione arriva a Pistoia un talento in prepotente ascesa, il ventitreenne pianista giapponese Mao Fujita, solista nel funambolico Terzo Concerto di Rachmaninov, uno dei piu amati ed eseguiti concerti del repertorio per pianoforte e orchestra, che il film Shine ha fatto conoscere e amare anche a chi non frequenta teatri e conservatori. Corre l’anno 1909: Rachmaninov e un pianista adorato e il suo talento come compositore e ormai riconosciuto da tutti.

All’apice del successo, ha intavolato trattative per una tournee negli Stati Uniti, e nell’estate di quell’anno scrive il “Rach 3”, uno dei suoi lavori piu felicemente riusciti. Nonostante le pressioni per eseguirlo in Russia, Rachmaninov sceglie di riservarne la prima esecuzione per il suo debutto a New York, che avverra il 28 novembre, con Walter Damrosch sul podio (per l’occasione studiera il nuovo difficilissimo Concerto durante la traversata in piroscafo, esercitandosi su una tastiera muta!). Il 16 gennaio successivo, verso la fine della tournee, ne dara una seconda esecuzione newyorchese, questa volta diretta da Gustav Mahler, di cui apprezzera la grande serieta e meticolosita esecutiva. Alla figura di Mahler e legata anche la seconda parte del programma, affidata all’Orchestra Leonore: sara infatti proposta nella revisione di Mahler la piu conosciuta e forse la piu amata fra le quattro grandi partiture sinfoniche di Schumann, la Sinfonia n. 3 detta “Renana”, composta nel 1850 a Dusseldorf, dove il compositore si era trasferito con la famiglia nel settembre di quell’anno, abbandonando Dresda.

La citta renana accolse Schumann, nuovo “Direttore dei Concerti temporali e spirituali e della Societa Corale”, con grande calore sin dalle sue prime apparizioni alla guida dell’orchestra, ed e in in questo periodo di ritrovato ottimismo e serenita che egli compone la Sinfonia in cui evoca il paesaggio renano a lui caro, o meglio, gli stati d’animo suscitati da quel paesaggio, riportandoci ai miti della vecchia Germania, alle leggende legate al grande fiume, alla vita popolare.


Mao Fujita pianoforte | Grazie alla sua innata sensibilità musicale e naturalezza interpretativa, il pianista ventitreenne Mao Fujita ha già impressionato molti musicisti di spicco, distinguendosi come uno di quei talenti speciali che si presentano raramente. Nato a Tokyo, Mao Fujita stava ancora studiando al Collegio Musicale di Tokyo quando, nel 2017, ha vinto il Primo Premio al prestigioso Concours International de Piano Clara Haskil in Svizzera, ottenendo contemporaneamente anche il Premio del Pubblico, il Prix Modern Times e il Prix Coup de Coeur, evento che lo ha portato all’attenzione della comunità musicale internazionale.

Nel 2019 è stato anche medaglia d’argento al Concorso Čajkovskij di Mosca, dove le sue speciali qualità musicali hanno ricevuto un’attenzione eccezionale dalla giuria e in particolare da Valery Gergiev, che da allora lo ha invitato in numerosi tour internazionali; a Tokyo, nel 2019, Mao Fujita è intervenuto con due soli giorni di preavviso per eseguire il Concerto per pianoforte n. 2 di Tchaikovsky con l’Orchestra Mariinsky e Valery Gergiev, ottenendo un grandissimo successo. Mao Fujita è stato invitato ad esibirsi in recital per i principali Festival internazionali tra cui il Klavier-Festival Ruhr, il Verbier Festival, il Festival di Tsinandali e il Riga-Jurmala Festival. Collaborazioni orchestrali, recenti o imminenti, includono esibizioni con la Filarmonica di Monaco, la Royal Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Mariinsky, la Yomiuri Nippon Symphony Orchestra, la Tokyo Metropolitan Symphony Orchestra, la Filarmonica di Israele, la Filarmonica della Scala e la Filarmonica di San Pietroburgo. Nel novembre 2021, Mao Fujita ha sottoscritto una esclusiva discografica con Sony Classical International. La nuova partnership vedrà Mao Fujita esplorare molte sfaccettature del repertorio pianistico, in diverse pubblicazioni, a partire da un’attesissima registrazione in studio delle Sonate per pianoforte complete di Mozart, prevista per l’autunno 2022. Mao Fujita ha iniziato a studiare pianoforte all’età di tre anni ed ha vinto il suo primo premio internazionale nel 2010, al World Classic di Taiwan, a cui hanno fatto seguito i premi di numerosi concorsi nazionali e internazionali, quali il Concorso Pianistico Internazionale Rosario Marciano di Vienna (2013), il Concorso per giovani pianisti di Zhuhai (2015) e il Concorso Pianistico Internazionale Gina Bachauer (2016). Mao Fujita sta per trasferirsi a Berlino per proseguire i suoi studi con Kirill Gerstein.


Daniele Giorgi | Riconosciuto per le sue interpretazioni avvincenti e originali, le infinite sfumature e un dinamico senso della forma musicale, Daniele Giorgi è un musicista fuori dagli schemi che si distingue per un’attitudine personalissima alla direzione d’orchestra. Pluripremiato all’8° Concorso Internazionale per direttori d’orchestra “Antonio Pedrotti” (secondo premio, premio speciale del pubblico e migliore esecuzione del brano contemporaneo) diventa assistente di Lorin Maazel alla Symphonica d’Italia ed è invitato a dirigere numerose orchestre tra cui Haydn Orchester di Trento e Bolzano, Czech Chamber Philharmonic, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra di Roma e del Lazio, Orchestra Filarmonica di Torino, Orchestra Filarmonica Marchigiana, ORT – Orchestra della Toscana, stringendo con alcune di esse prolungati rapporti di collaborazione. Nell’agosto 2022 ha debuttato con grande successo a Berlino nella Sala Grande del Konzerthaus. Nel 2014 le sue idee ed esperienze confluiscono nella nascita di LEONORE, orchestra della quale è fondatore e Direttore Musicale. Alla guida di questo ensemble, recentemente definito dalla stampa austriaca “assolutamente sensazionale”, Daniele Giorgi è invitato in diverse importanti stagioni concertistiche italiane. Fra i solisti con cui ha collaborato figurano Juliane Banse, Kolja Blacher, Renaud Capuçon, Enrico Dindo, Alban Gerhardt, Ilya Grubert, Sergej Krylov, Valentina Lisitsa, Midori, Gabriela Montero, Viktoria Mullova, Miklós Perényi, Ivo Pogorelich, Alexander Romanovsky, Baiba Skride, Viktor Tretiakov, Francois-Joel Thiollier, Emmanuel Tjeknavorian. Daniele Giorgi è inoltre Responsabile della programmazione artistica delle Stagioni musicali (Sinfonica e Cameristica) dell’Associazione Teatrale Pistoiese nonché ideatore e Direttore Artistico di FLOEMA, progetto attraverso il quale i musicisti di LEONORE, al fianco di studenti e ensemble strumentali e corali di amatori, creano nuove opportunità di ascolto per i più diversi tipi di pubblico, con una particolare attenzione alle persone in difficoltà, portando la musica anche in luoghi insoliti come ospedali, carceri, istituti per anziani, scuole, con l’intento di delineare un modello di interazione innovativo e sostenibile tra istituzione musicale e società civile. Daniele Giorgi si dedica da sempre alla musica da molteplici prospettive. Giovanissimo autodidatta in armonia e contrappunto, e poi allievo di Massimiliano Matesic e Michele Ignelzi, ha maturato la passione per la composizione che da allora lo accompagna. Completata la formazione violinistica si dedica per tre anni all’insegnamento della Musica da Camera con cattedra di ruolo in conservatorio per poi divenire, a ventotto anni, Violino di Spalla dell’ORT – Orchestra della Toscana, conducendo da allora una ricca vita musicale anche come solista, concertatore e camerista.


LEONORE | Leonore, orchestra di profilo internazionale fondata nel 2014 da Daniele Giorgi grazie al fondamentale sostegno di Fondazione Caript, costituisce il cuore di un ampio progetto nato e basato a Pistoia, volto alla creazione di un vero e proprio ecosistema musicale nel quale internazionalità e identità del territorio divengono elementi complementari per la costruzione di un futuro musicale sostenibile. Città a misura d’uomo nel cuore della Toscana, intrisa di storia, arte e tradizione musicale ma al di fuori dei circuiti turistici e culturali mainstream, Pistoia accoglie i musicisti di LEONORE, scelti tra le più importanti orchestre europee ed ensemble cameristici di eccellenza ma anche tra i migliori talenti emergenti. In questo contesto raccolto e ispirato Daniele Giorgi ha plasmato negli anni il suono dell’orchestra, sviluppando la flessibilità dei musicisti e mettendola al servizio di una esplorazione profonda della musica: qui prendono corpo interpretazioni che vivificano e al tempo stesso trascendono la tradizione, esprimendo senza compromessi  il significato di ogni partitura; qui un progetto musicale diviene sintesi di esperienze,  stimolo per nuove idee e luogo di incontro fra persone che danno gioiosamente il meglio di sé. Con la direzione musicale di Daniele Giorgi, LEONORE ha rapidamente esteso la sua attività concertistica a livello nazionale affermandosi per l’originalità delle interpretazioni, l’energia performativa e la grande duttilità stilistica con cui affronta ogni tipo di repertorio. Prossimamente LEONORE è attesa in numerose città italiane tra cui Mantova (Teatro Sociale), Torino (Sala grande del Conservatorio G. Verdi), Ravenna (Teatro Alighieri), Verona (Teatro Ristori), Perugia (Teatro Morlacchi). Nella convinzione che sia necessario ed urgente superare l’attuale modello di produzione e fruizione musicale abbattendo gli steccati invalicabili che separano amatori e professionisti, musicisti e pubblico e più in generale arte e società civile, i musicisti di LEONORE sono chiamati a (ri)mettere la musica d’arte concretamente in contatto e in dialogo con la comunità agendo in prima persona sul territorio che li accoglie: il progetto FLOEMA, un unicum in Italia, li ha infatti visti impegnati sull’intera provincia pistoiese in molteplici attività inclusive volte alla condivisione artistica, alla valorizzazione di realtà locali (musicali e non, con una particolare attenzione al sociale) e alla promozione di nuova musica, rendendo Pistoia modello di un possibile “Rinascimento musicale”. L’Orchestra LEONORE è promossa da ATP Teatri di Pistoia con il sostegno di Fondazione Caript.



Video

Teatro Manzoni Pistoia

Spettacolo in abbonamento

Date

  • giovedì, 11 Maggio 2023
    ore 21.00

Prezzi

da 8,00 a 25,00 euro

Prevendita da martedì 2 novembre: Biglietteria Teatro Manzoni 0573 991609 – 27112

(orario: dal martedì al giovedì ore 16/19; venerdì e sabato ore 11/13 e 16/19)

Prenotazioni telefoniche e acquisti online (su www.bigliettoveloce.it) dal giorno successivo all’apertura della prevendita.

Biglietterie

Biglietteria Online