RI-BELLI Teatro ragazzi

GRETA LA MATTA

regia Massimiliano Burini, Matteo Svolacchia, Giulia Zeetti
drammaturgia Massimiliano Burini, Giulia Zeetti
con Chiara Mancini, Debora Renzi, Andrea Volpi
tratto da“Greta la Matta” di Carll Cneut e Geert De Kockere
voice over Giulia Zeetti
coreografie Debora Renzi
sound design Nicola Frattegiani
musiche originali Pierluigi Serrapede, Gianfranco Rongo
costumi Greta Oldoni, Samuel Salamone
maschere a cura di Mariella Carbone
luci Pino Bernabei


fascia d’età: dagli 8 ai 13 anni 

produzione Occhisulmondo/Fontemaggiore Centro di Produzione Teatrale

MENZIONE SPECIALE PREMIO SCENARIO INFANZIA 2014
…per la capacità di tradurre una storia desueta e non consolatoria in magia delle immagini sceniche e coralità del lavoro attorico e coreografico, illuminando le risorse di consapevolezza e riscatto di una vicenda infantile di emarginazione e pregiudizio.


La storia di Greta è evidentemente un caso estremo. E’ una storia “vera”. E’ la storia di una bambina che, crescendo, diventa folle e, rifiutata dagli altri, si uccide. Si possono trovare storie simili, altrettanto violente, in tutte le nostre città. I bambini riconoscono Greta (e la nostra indifferenza) meglio di noi, in un’innocente passeggiata quotidiana per le strade delle nostre città. Si vorrebbe che l’arte ci consolasse del male del mondo. Vorremmo almeno in un libro “salvare Greta”. Invece il libro in questione ci scaraventa davanti una storia, raccontandocela nuda e cruda nella sua realtà atroce. Ci siamo interrogati sul valore della fiaba al tempo d’oggi. Riflettendo sul nostro passato e sul presente e abbiamo scoperto nostro malgrado che siamo stati anche noi perseguitati e perseguitori. Quando c’è una trasformazione c’è sempre un prima e un dopo. Il lavoro parte dall’analisi di quello che può succedere quando qualcuno di noi è spinto a diventare ciò che gli altri dicono che sia.

NOTE DI REGIA
Nel settore dei libri per bambini che piacciono solo agli adulti nessun libro aveva finora raggiunto la vetta di perfezione di Greta la Matta. L’operazione è sofisticatissima e all’apparenza destinata a un pubblico di tredici cultori, ma si vede che non è così. Ispirato al quadro Dulle Griet (Greta la Matta) di Bruegel il Vecchio, il testo di Geert De Kockere, che presenta delle illustrazioni meravigliose ad opera dell’illustratore belga, Carll Cneut, ci ha folgorati in tutte le sue 32 pagine, che narrano la seguente vicenda: la dolce bambina Greta diventa una vecchia strega cacciata dal paese, decide di andare al diavolo come le suggeriscono, trova la bocca spalancata del demonio, ci entra, si aggira tra avanzi rancidi e puzzolenti di uomini donne e bambini mal digeriti. Chiama il diavolo ma lui non risponde, pazza di rabbia si trafigge con una spada e muore stecchita in una doppia pagina color rosso sangue. Niente ci sembrava più attuale di questa storia. Il libro contestato dagli studiosi di pedagogia infantile, ha riscosso un enorme successo in Europa e un forte diverbio ha aperto nella comunità degli studiosi della nuova pedagogia per l’infanzia. Censurato in Italia fino alla pubblicazione del 2008 per la casa editirice Adelphi


Piccolo Teatro Mauro Bolognini

Spettacolo fuori abbonamento

Date

  • mercoledì, 18 Dicembre 2024
    ore 10

  • giovedì, 19 Dicembre 2024
    ore 10

Prezzi

BIGLIETTI
spettacoli per le famiglie
adulti € 7 under_14 € 5
adulti “Libero” € 6

spettacoli per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado € 5
spettacoli per le scuole superiori secondarie di II grado € 7
(docenti omaggio)

Biglietterie