Stagione di danza 2023/24

GRAND JETÉ

PRIMA REGIONALE

di Silvia Gribaudi / ZEBRA

con Silvia Gribaudi e MM Contemporary Dance Company: Emiliana Campo, Lorenzo Fiorito, Mario Genovese, Matilde Gherardi, Fabiana Lonardo, Alice Ruspaggiari, Rossana Samele, Nicola Stasi, Giuseppe Villarosa, Leonardo Zannella


musiche originali Matteo Franceschini

disegno luci Luca Serafini

styling Ettore Lombardi

assistente alla coreografia Paolo Lauri

maestro ripetitore Enrico Morelli

consulenza drammaturgica Annette Van Zwoll

consulenza artistica Matteo Maffesanti

consulenza tecnica Leonardo Benetollo

creative producer Mauro Danesi


Durata: 60 minuti

NOTE: Nella performance viene utilizzata una macchina del fumo. In alcune scene è possibile la presenza di luci intermittenti.


 

produzione Associazione Culturale Zebra
co-produzione di MM Contemporary Dance Company (IT), La Biennale de Lyon (FR), Théâtre de la Ville, Rum för Dans (SE), National Theatre Brno within Theatre World, Festival Brno / BPDA - Big Pulse Dance Alliance: Torinodanza Festival), International Dance Festival TANEC PRAHA / Zodiak - Side Step Festival (FI)
con il sostegno del Centro di Residenza Emilia-Romagna (L’Arboreto-Teatro Dimora | La Corte Ospitale)
con il contributo del MiC – Ministero della Cultura

GRAND JETÉ è una coproduzione di Big Pulse Dance Alliance, con il sostegno del programma Creative Europe dell’Unione Europea

GRAND JETÉ è un progetto coreografico di Silvia Gribaudi realizzato con la MM Contemporary Dance Company, compagnia italiana diretta da Michele Merola. Sull’idea del “grand jeté”, la grande spaccata in aria che viene definita come uno dei passi più impressionanti e virtuosi dell’arte del balletto, il nuovo progetto coreografico di Silvia Gribaudi esplora la fine come fonte di nuovi inizi. Un “grand jeté”, un istante per sfuggire alla gravità, è un passo di transizione che consiste in una momentanea sospensione e in un “lancio” nell’aria. Esplorando il significato metaforico di questo passo virtuoso nella vita di tutti i giorni, GRAND JETÉ diventa un’occasione per ribellarsi e sfidare l’irreversibilità di qualsiasi tipo di finale. Quanto sforzo richiede questo decollo verso l’ignoto e quali prospettive può aprire un atterraggio? Alla luce di questo salto di energia esplosiva, come possiamo affrontare il fallimento come risorsa per decollare di nuovo?

NOTE DI REGIA | In GRAND JETÉ Silvia Gribaudi porta avanti la ricerca coreografica sulla relazione tra performer e pubblico a partire dalla trasmissione di alcuni passi della danza classica e del loro significato. Pliè, jeté, tour en l’air… parole che sono spesso collegate a dei passi conosciuti ma che possono aprire altri immaginari più profondi e che in GRAND JETÉ vengono sperimentati insieme ai performer. Silvia Gribaudi, come negli spettacoli precedenti, sviluppa una ricerca coreografica scegliendo di essere in scena e dialogando nel tempo presente sia con danzatori che con il pubblico. In che modo siamo o no coinvolti/e in un’azione collettiva o individuale? Questo metodo coreografico sposta continuamente lo sguardo di chi guarda, tra ciò che vede in scena, se stess* e le altre persone del pubblico generando il senso di essere un “corpo di ballo”. In questo spettacolo con lei in scena ci sono 10 ballerine e ballerini della MM Contemporary Dance Company. “Sono i giovani che possono far fare un salto a tutta l’umanità – dice Silvia Gribaudi – per questo ho scelto una compagnia di ragazzi che abbiano la passione e il desiderio di portarci verso altri mondi a partire da un grand plié, ma tutti insieme per arrivare ad un GRAND JETÉ!”


Silvia Gribaudi coreografa e performer | È una coreografa italiana attiva nelle arti performative. Dal 2004 focalizza la propria ricerca artistica sull’impatto sociale del corpo, mettendo al centro del linguaggio coreografico la comicità e la relazione tra spettatore e performer. Premio Giovane Danza D’Autore con “A CORPO LIBERO”(2009), finalista Premio UBU come migliore spettacolo di danza e finalista Premio Rete Critica con R.OSA (2017), Premio CollaborAction#4 2018-2019, finalista Premio Rete Critica 2019, Premio DANZA&DANZA 2019 come miglior produzione Italiana con GRACES e Premio Hystrio Corpo a Corpo 2021. Ha partecipato a progetti artistici di ricerca quali: CHOREOROAM (2011), TRIPTYCH (2013), ACT YOUR AGE (2014) progetto europeo sull’invecchiamento attivo attraverso l’ arte della danza, da cui è nata la performance WHAT AGE ARE YOU ACTING? e il progetto territoriale OVER60; PERFORMING GENDER (2015); CORPO LINKS CLUSTER (2019/2020) in cui la relazione tra danza, montagna e comunità montana ha dato vita al progetto site specific TREKKING COREOGRAFICO e allo spettacolo MONJOUR (2021) prodotto da Torinodanza Festival in collaborazione con Teatro Stabile del Veneto e Les Halles de Schaerbeek – Bruxelles. Nel 2021 è coreografa ospite per “Danser Encore, 30 solos pour 30 danseurs” progetto per l’ Opéra de Lyon ed è selezionata dal network internazionale Big Pulse Dance Alliance. I suoi spettacoli sono presenti in numerosi Festival Nazionali ed Internazionali e vengono realizzati in processi creativi al cui centro c’è il dialogo e l’incontro poetico con altri/e artisti/e, compagnie e comunità. www.silviagribaudi.com


MM Contemporary Dance Company performer | La MM Contemporary Dance Company, diretta dal coreografo Michele Merola, è una realtà di eccellenza della danza italiana. Fondata nel 1999 a Reggio Emilia, ha un repertorio ricco e variegato, grazie ai lavori del suo direttore e di coreografi europei e italiani come Maguy Marin, Mats Ek, Mauro Bigonzetti, Thomas Noone, Gu-stavo Ramirez Sansano, Karl Alfred Schreiner, Silvia Gribaudi, Eugenio Scigliano, Emanuele Soavi, Enrico Morelli, Daniele Ninarello, Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi, Camilla Monga, Roberto Tedesco, Adriano Bolognino. Nel 2010 la MMCDC ha vinto il Premio Danza&Danza come migliore compagnia emergente, nel 2017 il Premio Europaindanza – Premio al Merito alla coreografia, per lo spettacolo Bolero di Michele Merola e nel 2022 il Premio Danza&Danza per la migliore produzione italiana con lo spettacolo Ballade, coreografie di Mauro Bigonzetti ed Enrico Morelli. La compagnia ha una consolidata attività su tutto il territorio nazionale e un mercato internazionale in paesi europei ed extraeuropei come la Corea, Colombia, Canada, Russia, Germania, Marocco, Belgio, Spagna, Ungheria, Slovenia, Repubblica Ceca, Svezia, Francia. La MMCDC è sostenuta dal Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Reggio Emilia, Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto, Centro Permanente Danza/Reggio Emilia. www.michelemerola.it


Matteo Franceschini compositore | Nato in una famiglia di musicisti, Matteo Franceschini ha iniziato gli studi di composizione con il padre diplomandosi poi al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano sotto la guida di Alessandro Solbiati. Ha studiato all’Accademia Nazionale “Santa Cecilia” di Roma sotto la guida di Azio Corghi e ha frequentato il Cursus offerto dall’Ircam di Parigi. Matteo Franceschini concentra la sua ricerca sulla teatralità del gesto musicale e sulla necessità di mettere insieme linguaggi diversi seguendo le regole del contrasto e della fusione. La sua ricerca interdisciplinare riunisce prospettive compositive, sceniche e multimediali per esplorare la teatralità del gesto musicale, la forza dei contenuti narrativi e la creazione di una struttura formale e sonora complessa. È stato nominato compositore in residenza all’”Arcal” di Parigi, all’Orchestre national d’Île-de-France e all’Accademia Filarmonica di Roma. Leone d’argento 2019 alla Biennale di Venezia, “Fedora – Premio Rolf Liebermann per l’Opera 2014”, è stato premiato dalla Fondazione Banque Populaire e ha ricevuto la “Italian Affiliated Fellowship in the Arts” dall’American Academy in Rome. Nel 2017, Franceschini ha adottato TOVEL come nome d’arte. Come TOVEL, rilancia la figura dell’autore/interprete. Il suo coinvolgimento diretto e dal vivo diventa quindi l’espressione di un atto creativo. Dal 2011 è pubblicato da Casa Ricordi – Universal Music Publishing. www.matteofranceschini.com


 



Video

Teatro Manzoni

Spettacolo in abbonamento

Date

  • venerdì, 8 Marzo 2024
    ore 20.45

Downloads

Biglietterie

Biglietteria Online