STAGIONE SINFONICA 2022 / 2023

CAMERATA SALZBURG | JANINE JANSEN | GREGORY AHSS

CAMERATA SALZBURG
JANINE JANSEN violino
GREGORY AHSS Konzertmeister, direzione


Wolfgang Amadeus Mozart Sinfonia n. 7 K 45 “Alte Lambacher Symphonie”
Wolfgang Amadeus Mozart Concerto n. 1 per violino e orchestra, K 207
Wolfgang Amadeus Mozart Concertone in do maggiore per due violini e orchestra, K 190 (K 186E)


Janine Jansen violino | Con un’invidiabile reputazione internazionale, la violinista Janine Jansen lavora regolarmente con le più eminenti orchestre e direttori del mondo. In questa stagione è “Perspectives Artist” alla Carnegie Hall di New York dove esegue diversi concerti e programmi di musica da camera per tutta la stagione, mentre i tour sono programmati con Royal Concertgebouw Orchestra / Gatti, London Symphony Orchestra (con Michael Tilson Thomas e Semyon Bychkov) e Deutsche Kammerphilharmonie / Paavo Järvi. Altri momenti salienti di questa stagione sono gli impegni con la Filarmonica di Berlino (Paavo Järvi), la Filarmonica di Monaco (Zubin Mehta), la Staatskapelle Dresden (Antonio Pappano), l’Orchestra di Philadelphia e la Filarmonica di Rotterdam (Yannick Nézet-Seguin), la Filarmonica Ceca (Jakob Hrusa), la Filarmonica di Oslo e Vienna Symphony (David Afkham), Royal Stockholm Philharmonic (Karina Canellakis) e Iceland Symphony (Daniel Blendulf). Sarà anche in Estremo Oriente e in Australia, con le orchestra di Singapore, Sydney e New Zealand Symphony. Appassionata musicista da camera, Janine si unisce a Mischa Maisky, Martha Argerich, Itamar Golan e Lily Maisky per un importante tour europeo di musica da camera. Esegue numerosi recital in tutta Europa con i pianisti Alexander Gavrylyuk, Elisabeth Leonskaja e Kathryn Stott. Come parte della sua Perspectives Series alla Carnegie Hall, eseguirà il “Quartet for the End of Time” di Messiaen con Lucas Debargue, Torleif Thedéen e Martin Fröst. In questo contesto eseguirà anche la prima americana del Concerto per violino di Michel van der Aa con Philadelphia Orchestra e Nézet-Seguin. Altri concerti alla Carnegie Hall includono un programma da camera con Jean-Yves Thibaudet e il Dover Quartet. Janine registra in esclusiva per Decca Classics dal 2003 – debutta con le Quattro Stagioni di Vivaldi, riscuotendo sempre un enorme successo nelle classifiche musicali digitali. La sua ultima uscita, con Antonio Pappano, presenta il Concerto per violino n. 1 di Bartok con la London Symphony Orchestra e il Concerto per violino di Brahms con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Altri punti salienti della sua discografia includono una registrazione del Concerto per violino di Prokofiev n. 2 con la London Philharmonic Orchestra e Vladimir Jurowski, Beethoven e Britten con Paavo Järvi, Mendelssohn e Bruch con Riccardo Chailly, Ciajkovskij con Daniel Harding e un album di Concerti di Bach con il suo stesso ensemble. Janine ha anche pubblicato numerosi dischi di musica da camera, tra cui il Quintetto per archi di Schubert e Verklärte Nacht di Schoenberg, le Sonate di Debussy, Ravel e Prokofiev con il pianista Itamar Golan.Janine ha vinto numerosi premi, tra cui quattro Edison Klassiek Awards, quattro premi ECHO Klassik, il Preis der Deutschen Schallplattenkritik, NDR Musikpreis per gli eccezionali risultati artistici e il Premio Concertgebouw. Ha ricevuto il VSCD Klassieke Muziekprijs per la realizzazione individuale e il Royal Philharmonic Society Instrumentalist Award per spettacoli nel Regno Unito. A settembre 2015 è stata insignita del Premio MusikFest di Brema. Janine ha studiato con Coosje Wijzenbeek, Philipp Hirshhorn e Boris Belkin. Nel 2003 Janine ha fondato l’enorme Festival internazionale di musica da camera di Utrecht. Dopo 13 anni Janine ha lasciato la sua posizione di direttore artistico nel giugno 2016 e ha nominato la violoncellista Harriet Krijgh come sua successore. Janine Jansen suona il violino Stradivari del 1707 “Rivaz – Baron Gutmann” gentilmente concesso in prestito da Dextra Musica.


La Camerata Salzburg è una delle più prestigiose orchestre da camera del mondo. Inviti presso le sale più importanti, da New York a Pechino, si aggiungono alle attività dell’orchestra nella propria città natale. La Camerata Salzburg è uno degli ensemble fondamentali del Festival di Salisburgo e della Mozartwoche dal 1956. La serie in abbonamento della Camerata Salzburg nella straordinaria sala della Fondazione Internazionale Mozarteum costituisce un pilastro della vita musicale di Salisburgo.

Al centro del suo repertorio, oltre alle opere di Joseph Haydn, Ludwig van Beethoven e Franz Schubert, c’è ovviamente l’opera del genio locale Wolfgang Amadeus Mozart. È soprattutto la tipica “sonorità mozartiana di Salisburgo” ad aver reso negli anni la Camerata Salzburg ambasciatrice e immagine musicale internazionale della città di Salisburgo.

Gli appuntamenti principali delle ultime stagioni hanno incluso apparizioni al Festival de Pâques di Aix-en-Provence, ai BBC Proms di Londra, al Festival Enescu di Bucarest, al Festival Musicale di Pechino e alla Carnegie Hall di New York. La Camerata Salzburg mantiene una stretta collaborazione con la Wiener Konzerthaus e si esibisce regolarmente alla Tonhalle di Zurigo, alla Alte Oper di Francoforte, al Kultur- und Kongresszentrum di Lucerna, al Prinzregententheater di Monaco, oltre alla Philharmonie di Colonia e alla Philharmonie di Parigi.

Personalità del calibro di Géza Anda, Sándor Végh e Sir Roger Norrington hanno contribuito a dar forma alle sonorità della Camerata Salzburg. Negli anni scorsi, musicisti quali Heinz Holliger, Alfred Brendel, Philippe Herreweghe, Franz Welser-Möst, Pinchas Zukerman, Anne-Sophie Mutter, Teodor Currentzis, Matthias Goerne, Fazıl Say, Renaud Capuçon, Yuja Wang ed Hélène Grimaud sono stati partner artistici di rilievo della Camerata Salzburg.

Quando Bernhard Paumgartner ha fondato l’orchestra nel 1952, il credo artistico di ciascun membro era chiaro: fare musica sotto la propria responsabilità all’interno della comunità della Camerata Salzburg. Una massima a cui l’orchestra e i suoi membri tutt’oggi si ispirano. I mentori di lungo corso Bernhard Paumgartner e Sándor Végh hanno creato le sonorità famose nel mondo di questa orchestra. Dopo la morte di Sándor Végh, Sir Roger Norrington, in qualità di Direttore Principale, ha avuto un’influenza duratura sull’orchestra.

Oggi Sir Roger Norrington è Director Laureate della Camerata Salzburg. I suoi successori come Direttori Artistici sono stati Leonidas Kavakos e il direttore francese Louis Langrée. Dal 2016 i musicisti della Camerata Salzburg gestiscono in prima persona la direzione artistica.

Guidati dai konzertmeister Gregory Ahss e Giovanni Guzzo come ‘primus inter pares’, i musicisti collaborano per interpretare la sonorità, le sottigliezze e la musica che sta dietro le note. In questo modo, persino nel settimo decennio della propria esistenza, la Camerata Salzburg mantiene il suo tipico “contagioso entusiasmo musicale” (Neue Zürcher Zeitung). La Camerata Salzburg è regolarmente in concerto con partner artistici quali Renaud Capuçon, François Leleux e Fazil Say, oltre a direttori ospiti quali Andrew Manze, Sir John Eliot Gardiner, Manfred Honeck e Ingo Metzmacher.

La Camerata Salzburg ha inciso più di 60 produzioni per note etichette discografiche quali Deutsche Grammophon (di recente The Messenger insieme a Hélène Grimaud), DECCA, Sony e Warner Classics, molte delle quali hanno vinto premi importanti. Ciò testimonia l’eccellenza e la dedizione dei musicisti dell’orchestra.

 


Teatro Manzoni Pistoia

Spettacolo fuori abbonamento

Date

  • giovedì, 20 Aprile 2023
    ore 21.00

Biglietterie