RI-BELLI Teatro ragazzi

ARTABÀN

La leggenda del Quarto Re Mago

poema contadino
di e con Antonio Catalano
regia Antonio Catalano


> fascia d’età: dai 3 anni 

Produzione Casa degli Alfieri Società cooperativa

“Quattro erano i tre Re Magi”, recita un’antica formula.
E allora perché il quarto ha mancato l’appuntamento con gli altri a Betlemme, per adorare il Bambinello? Che strada avrà imboccato? E che doni portava con sé?
Domande che trovano una risposta nel dolce racconto di Antonio Catalano, poeta della Meraviglia e delle piccole cose, che rivela la vicenda del Mago Artabàn, intento a ricucire il mondo e ad inseguire stelle con la coda, in una giullarata a capitoli.
Si sta tutti insieme come in un’antica veglia ad ascoltare parole, magie, canti e lettere d’amore, viaggiando con il Mago sul suo dondolante cammello si faranno incontri inaspettati e indimenticabili, tra sorrisi e commozione, stupore e misteri dalla notte dei tempi.
E il Mistero dei Misteri, contenuto nei Vangeli, il Dio che si fa uomo, e come ogni uomo cresce, soffre e muore, è visto qui dal punto di vista dell’infanzia, del gioco, quel gioco grande che è la vita: poiché l’infanzia è il luogo della divinità, del sacro modo di stare al mondo.
Ed ora attenti bene, richiama più volte il Narratore Incantatore, aprite tutti orecchie e cuore per ascoltare la storia del Mago Artabàn, perché scoprirete che il Quarto Re Mago, quello che si è perso la Stella e la strada, che si è impolverato e ha consumato i sandali, che ha speso la vita a cercare, a imparare… a vivere, insomma… assomiglia proprio tanto ad ognuno di noi.

Tradizione, fonti e letteratura intorno al Quarto Re Mago

L’Archivio della Teatralità Popolare, corpus di progetti e ricerche antropologiche e teatrali istituito da Luciano Nattino in seno alla Casa degli alfieri, opera da sempre a livello interdisciplinare per la documentazione e il recupero delle tradizioni popolari del proprio territorio, e dai primi anni Duemila ha contribuito alla rivivificazione di miti, feste, ritualità, figure folkloriche legate al paesaggio agrario monferrino, in sinergia con le comunità ove esse hanno avuto origine, tra queste: il Natale del pastore Gelindo, i carnevali dell’Orso e dei Selvatici, i canti di questua pasquale…
Grazie ad un approfondito lavoro di ricerca dell’antropologo astigiano Piercarlo Grimaldi, da sempre fautore e membro del comitato scientifico dell’Archivio, si è inaugurato nel 2021 un nuovo capitolo di lavoro intorno alla figura del Quarto Re Mago. Questo personaggio, che è protagonista di una vasta letteratura internazionale, rivela un legame territoriale con l’area di Langa e Monferrato, come attestato da alcune frammentarie testimonianze orali e iconografiche. La scarna storia che ci è pervenuta narra del Re Mago che ha smarrito la stella, ha vagato per trentatré anni impegnando la sua vita ad aiutare i poveri e gli oppressi, ed infine è giunto a Gerusalemme il giorno della Crocifissione. Un interessante impianto narrativo mitico, che unisce il Natale alla Resurrezione. A partire da queste tracce di memoria intrise di pietà popolare e da una bozza di copione a firma di Luciano Nattino, è in preparazione per il periodo natalizio 2022 una nuova narrazione, un incoraggiante “innesto” d’innovazione poetica sul contenuto tradizionale, che può contribuire a salvare dall’oblio e diffondere la conoscenza di questa figura, a partire dal territorio collinare che ne conserva l’eco.


il Funaro

Spettacolo fuori abbonamento

Date

  • sabato, 16 Marzo 2024
    ore 16

Prezzi

spettacoli per le famiglie
adulti
7,00
adulti “Formula LIBERO”
6,00
bambini under14 5,00


spettacoli per le scuole dell’infanzia, primarie e
secondarie di I grado
5,00


spettacoli per le scuole secondarie di II grado
7,00

Prevendita da martedì 3 ottobre

Biglietterie

Biglietteria Online