26 Gennaio 2024il Funaro

🟡 27 gennaio | SU ETTY HILLESUM SONIA BERGAMASCO e ELISABETTA RASY per “Le Parole di Hurbinek” al Piccolo Teatro Bolognini

A partire dal volume di Elisabetta Rasy Dio ci vuole felici. Etty Hillesum o della giovinezza nasce una creazione originale per Le parole di Hurbinek. Un dialogo a due voci incastonate tra loro, in cui il racconto della vita di Etty e le parole tratte dal diario abbiano la forza di restituirci alcuni tratti inconfondibili di una figura così inimitabile per corpo e voce dell’attrice Sonia Bergamasco.

Etty Hillesum, scomparsa poco prima di compiere trent’anni ad Auschwitz, con il suo diario ci ha lasciato una straordinaria testimonianza del cuore nero del Novecento ed è diventata un simbolo della resistenza spirituale di fronte al Male. Ma prima di trasformarsi in una figura simbolica –racconta Elisabetta Rasy in questo libro – la intrepida ebrea olandese è stata una giovane donna libera, inquieta e irriverente, tenacemente intenta alla scoperta di sé stessa e del senso dell’esistenza, desiderosa di amore e di amicizia nelle loro mutevoli forme, dall’affetto e dalla tenerezza fino alla passione assoluta, e vera maestra di una giovinezza senza tempo in cui ognuno può riconoscere le proprie emozioni, la forza e la fragilità, la paura e il coraggio. Ci sono libri che, se non cambiano la vita, ci toccano in profondità e ci fanno scoprire qualcosa di noi che non sapevamo. Questo è stato il Diario di Etty Hillesum per Rasy che, ricostruendone la vicenda umana e letteraria, si è trovata a indagare su sé stessa, tra ricordi e riflessioni, e sui temi eterni della vita umana: i complicati arabeschi dell’amore, le tortuose vie dell’anima, la necessità di non soccombere all’orrore, la possibilità di trovare gioia anche nei momenti più difficili, il desiderio di vivere a pieno la propria vita, infine il senso della scrittura autobiografica, questa singolare inchiesta sui propri segreti e misteri. Con la maestria dei grandi autori, Rasy intreccia la vita di Etty Hillesum con quella di altre giovani donne straordinarie dello stesso terribile periodo storico, da Edith Stein a Simone Weil a Micol Finzi-Contini, l’eroina del romanzo di Giorgio Bassani, e con le vicende di scrittrici e scrittori amati e dei loro altrettanto amati personaggi. Fino a comporre un doppio romanzo di formazione, quella dell’indimenticabile ragazza olandese e la propria.

PICCOLO TEATRO MAURO BOLOGNINI | PISTOIA
sabato 27 gennaio ore 20.45
biglietto: euro 6,00
prevendita Biglietteria Teatro Manzoni 0573 991609 – 27112 e online su https://www.bigliettoveloce.it/spettacolo?id=6344