21 Maggio 2024il Funaro

22 MAGGIO | al Funaro presentazione del libro di Gianni Cascone HAIKU DI VIAGGIO | Libriamo nei lieti calici

presentazione del libro di Gianni Cascone, Haiku di viaggio

insieme all’autore, interverrà Milva Maria Cappellini 

 


A Port d’Ouchy nell’ombra di platani giganti

il figlio e la creatura corrono l’uno nella gioventù dell’altra

alta marea di gioia nel cuore

Nella primavera del 2021 nacque in tutti la speranza che la pandemia del Covid-19 fosse terminata: la segregazione aveva atterrito e sorpreso, allora ci eravamo illusi di essere tornati liberi. Abbiamo subito ripreso a viaggiare, assetati di movimento, di sapori, di odori, di immagini.

Appuntare le impressioni quotidiane dei viaggi fatti in quella primavera e in quell’estate ha rappresentato un tentativo di trattenere l’illusione che fioriva in ognuno di noi.

Gianni Cascone, scrittore di Bologna, è uno dei capostipiti della “scrittura creativa” in Italia. Dai suoi laboratori negli ultimi anni sono nati sei autori collettivi: IndiMondi di San Lazzaro di Savena, Banchéro di Taggia, Navigadour di Bologna,Quadrante 61 di Russi,gli Immagici e i Funari di Pistoia.

Fra i suoi romanzi1, 2, 3 beginning from the darkest dream, con immagini di Frank Breidenbruck (Gli Ori 2000) eQuadrante Nord (Manni 2004). Nel 2016 sono usciti i racconti sui luoghi e sui viaggi La coda dell’occhio, con prefazione di Marc Augé e postfazione di Franco Farinelli, mentre del 2019 è la raccolta di poesie La palude medesima, cui sono seguite le raccolte Haiku della peste (2020) e Haiku della peste II (2021), tutti editi da Giraldi.


https://www.giraldieditore.it/catalogo/haiku-di-viaggio/


Il Funaro, una delle sedi delle numerose attività di Teatri di Pistoia, possiede una Biblioteca, che offre possibilità di studio, consultazione e prestito ma anche una serie di attività, pre-testi di lettura, a cura di Massimiliano Barbini, vere e proprie “avventure letterarie dal vivo”.  E’ nata così una nuova avventura, LibRiamo ne’ lieti calici, un ciclo di presentazioni di libri, attuali e non, una al mese, al lunedì sera.

Il primo incontro si è tenuto il 15 dicembre e ha visto protagonista della serata Francesca Della Monica, impegnata dal 15 al 17 dicembre in un workshop dal titolo A voce spiegata.

Fra i non molti teatri a possedere una Biblioteca, quella del Funaro è dedicata al teatro e alla ricerca teatrale del ‘900, con testi sulle drammaturgie, sulla pedagogia e sulla formazione teatrale, volumi di grandi autori e maestri del teatro del Novecento e materiale di documentazione audiovisiva, è sede del Fondo Andrés Neumann e del Fondo Paolo Grassi ed è inserita nella Rete Documentaria della provincia di Pistoia (REDOP).

La Biblioteca del Funaro fa parte del nuovo progetto del Comune di Pistoia Librida, che si propone come spazio comune di tutti i lettori e dei produttori di lettura a livello cittadino, un’interfaccia digitale permanente in grado di diventare la “casa comune a distanza” di biblioteche, librerie, case editrici locali e altri soggetti operanti nella filiera del libro e partecipanti al Patto di Pistoia per la Lettura, con l’intento di mettere in valore la scelta del digitale non soltanto come risposta temporanea alla chiusura degli spazi culturali durante la pandemia, ma come modalità ordinaria di fruizione, valorizzazione e archiviazione delle iniziative di lettura prodotte, anche dopo la conclusione dell’emergenza pandemica.