6 luglio 2018

IL CONTROLLORE con Gli Omini al Deposito Rotabili Storici 6/8 luglio

Dopo il tutto esaurito di Ci scusiamo per il disagio e La cena speciale, al Deposito Rotabili Storici di Pistoia di Fondazione FS Italiane giunge al termine della sua corsa la trilogia del Progetto T che l’Associazione Teatrale Pistoiese con Gli Omini (Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini) ha dedicato nell’ultimo triennio alla straordinaria Ferrovia Transappenninica Porrettana. In scena da venerdì 6 a domenica 8 luglio (ore 21.30), la terza tappa, Il controllore (coprodotto con Emlia Romagna Teatro Fondazione – Teatro Nazionale), frutto delle indagini ‘antropologiche’ svolte con il lor caratteristico metodo di ricerca ‘sul campo’, dalla compagnia sulla Porretta – Bologna, il tratto emiliano della Transappenninica. Nell’ambito del Pistoia TEATRO Festival, lo spettacolo per la prima volta andrà in scena in mezzo ai treni, nello spazio assolutamente ‘magico’ del Deposito Rotabili Storici di Pistoia. Diciassette fermate in tutto. Diciassette piccoli mondi visti dal finestrino. A bassa velocità, continuando la ricerca sugli uomini lungo i  binari. Su un vagone mezzo vuoto, si perdono e s’incontrano uomini confusi, dalle esistenze precarie e incontrollabili. Tra i controllori c’è chi cerca di mettere ordine, chi di riportare alla pace, chi non si riesce a controllare. In un tempo di sbandamento in cui non si riesce a distinguere una mosca da un regalo, un sacchetto da una donna, un idiota da un eroe. Un teatro, quello de Gli Omini, definito dal critico Massimo Marino “una lama che partendo da situazioni apparentemente marginali come vecchi rami ferroviari locali scortica l’inquietudine, la follia, le derive di un paese, il nostro, dove la paura, la solitudine, l’arroganza, la mancanza di riferimenti certi diventa il nuovo stigma sociale, il punto di incrinatura che segna la realtà nella quale galleggiamo”.

Nell’occasione sarà visitabile anche la mostra fotografica (con le foto di Gabriele Acerboni, Duccio Burberi, Serena Gallorini, Stefano Di Cecio, Lorenzo Gori, Luca Del Pia) e i video di John Snellinberg Film, che documentano con la forza delle immagini i tre anni del Progetto.

Prevendita: 0573 991609 – 27112 www.pistoiateatrofestival.it

 

 


 

 

Una delle linee ferroviarie più antiche d’Italia. Un’impresa di costruzione folle. 99 chilometri di strada ferrata con 47 gallerie, 35 ponti e viadotti, 550 metri di dislivello. Punti panoramici vertiginosi. Fermate nel mezzo del bosco di castagni. Un fiume che segue i binari con cascate e spiaggette. Stazioni interdette. Costruzioni in rovina. Paesini, paesoni, tre case, montagna. Un’opera d’arte.

La Ferrovia Transappenninica Porrettana, che unisce Pistoia a Bologna, ha avuto fin dalla sua nascita, nel 1864, una storia travagliata, di idee grandiose, sogni, sacrifici, difficoltà enormi, perdite, costruzioni straordinarie. Attorno alla Porrettana è nato quindi un percorso di rilancio della sua identità che passa anche attraverso il recupero della memoria, la cultura dei territori e l’esperienza dell’oggi: un percorso in cui anche il teatro ha fatto la sua parte, scendendo in campo con il “PROGETTO T.”, la sfida produttiva che ha visto protagonista l’Associazione Teatrale Pistoiese – Centro di Produzione Teatrale per il triennio 2015/2017 assieme a Gli Omini (Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini), dal 2014 compagnia in residenza presso il teatro pistoiese, Premio Enriquez per l’innovazione drammaturgica e la ricerca sociale, gruppo tra i più innovativi della scena nazionale e, nel 2015, Premio Rete Critica. 

Tre anni di teatro e treni. Il Progetto T è giunto al termine della sua corsa. Gli Omini hanno indagato la Transappenninica Porrettana, hanno percorso tutta la tratta: sono partiti da Pistoia e arrivati a Bologna. A bassa velocità, parlando con la gente, hanno scritto tre spettacoli (Ci scusiamo per il disagio, La corsa speciale, Il Controllore). Ora, nell’ambito dell’edizione del Pistoia TEATRO Festival 2018, la loro trilogia sui treni, quelli presi e soprattutto quelli persi, torna, dal 30 giugno all’8 luglio, dove tutto ha avuto inizio, tre anni fa: al Deposito Rotabili Storici di Fondazione FS Italiane, l’importante sito manutentivo di locomotive a vapore ancora operativo in Italia, un luogo magico, sospeso nel tempo e tra i più cari ai pistoiesi, riaperto alla cittadinanza dopo un accurato intervento di restauro e qualificazione.

Pistoia TEATRO Festival è promosso da Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale, con Comune di Pistoia, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Regione Toscana, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Associazione Blues In e con il sostegno di Unicoop Firenze.

> per informazioni sul treno storico “Pistoia-Porretta” organizzato da Fondazione FS Italiane, per domenica 1 luglio, si può consultare direttamente il sito www.fondazionefs.it


PROGRAMMA

Deposito Rotabili Storici, Pistoia
sabato 30 giugno e domenica 1 luglio, ore 21.30
Progetto T – anno 1
CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO
ideazione Gli Omini
di Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Luca Zacchini e Giulia Zacchini
con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Luca Zacchini
luci Emiliano Pona
Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale
In Ci scusiamo per il disagio c’è tutto quello che tre anni fa entrò nel cervello e scosse gli stomaci de Gli Omini in un mese di indagini alla Stazione di Pistoia. Gli habitués, i marchettari spudorati, gli indigeni, le lettrici, gli altoparlanti, i piccioni. In tre anni ha girato l’Italia con successo e ora torna nel luogo del suo debutto, accanto a tutte le anime che lo popolano ancora.
Info 0573 991609 – 27112
biglietti da 6 a 12 euro


Deposito Rotabili Storici, Pistoia – Sala Conferenze
domenica 1 luglio, ore 18
incontro
ANDATA E RITORNO
riscontri, visioni e incontri sui tre anni di teatro e treni
partecipano Piergiorgio Giacchè, Massimo Marino, Gli Omini
coordina Rodolfo Sacchettini
a seguire inaugurazione della mostra fotografica e video
Nel 2015 l’Associazione Teatrale Pistoiese chiese a Gli Omini: “Cosa ne pensate della Porrettana?” Gli Omini non ne sapevano poi molto e risposero con il Progetto T. Ora possiamo tirare le somme. Sull’umanità che popola le stazioni di periferia, sulle scoperte fatte, sugli obiettivi raggiunti, su quelli falliti. Un momento di confronto tra Gli Omini e gli studiosi, antropologi, critici, che hanno seguito l’intero percorso. Partecipano Piergiorgio Giacchè, Massimo Marino, Gli Omini, coordina Rodolfo Sacchettini.
A seguire verrà inaugurata, presso la Sala Conferenze, la mostra che documenta i tre anni. Con le fotografie di Gabriele Acerboni, Duccio Burberi, Serena Gallorini, Stefano Di Cecio, Lorenzo Gori, Luca Del Pia e i video di John Snellinberg Film.

ingresso libero fino ad esaurimento posti


Deposito Rotabili Storici, Pistoia (via Pertini)
martedì 3 e mercoledì 4 luglio, ore 20.30
Progetto T – anno 2
LA CENA SPECIALE
Cena + reading da LA CORSA SPECIALE de Gli Omini
di e con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Luca Zacchini e Giulia Zacchini
luci Emiliano Pona
Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale
(capienza limitata)
Per due sere il Deposito dei Rotabili Storici si trasformerà in un ‘ristorantino’ tra i vagoni storici e i binari. Tra i tavoli e le carrozze vuote Gli Omini riporteranno alla luce estratti da La Corsa Speciale. Storie di vita, d’amore, stralci di speranza, di anime antiche che incontrarono sul treno da Pistoia a Porretta e che fecero vivere solo una volta, tra il bosco, la galleria, le altalene e gli uccellaccI alla fermata del Castagno, nel 2016.
Info 0573 991609 – 27112 biglietto cena + reading: 20,00 euro


Deposito Rotabili Storici, Pistoia (via Pertini)
venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 luglio, ore 21.30
Progetto T – anno 3
IL CONTROLLORE
ideazione Gli Omini
con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Luca Zacchini
drammaturgia Giulia Zacchini
luci Alessandro Ricci
Emilia Romagna Teatro Fondazione/Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale
Per la prima volta Il Controllore, terzo spettacolo del Progetto T, andrà in scena in mezzo ai treni. Su un vagone mezzo vuoto, si perdono e s’incontrano uomini confusi, dalle esistenze precarie e incontrollabili. Tra i controllori c’è chi cerca di mettere ordine, chi di riportare alla pace, chi non si riesce a controllare. In un tempo di sbandamento in cui non si riesce a distinguere una mosca da un regalo, un sacchetto da una donna, un idiota da un eroe.
Info 0573 991609 – 27112 biglietti da 6 a 12 euro

Info e prevendite
Biglietteria Teatro Manzoni 0573 991609 – 27112
(orario di apertura: dal martedì al venerdì 16-19, sabato 11-13)
www.pistoiateatrofestival.itwww.teatridipistoia.it

seguici su Facebook, Intagram, Twitter e Youtube!


Per il Progetto T al Deposito Rotabili Storici si ringrazia  Fondazione FS Italiane

Pistoia TEATRO Festival è promosso da Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale, con Comune di Pistoia, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia,
Regione Toscana, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo,,  con il sostegno di Unicoop Firenze.



Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter