9 settembre 2017ATP Teatro Manzoni Teatro Manzoni

HANSEL E GRETEL – TORNANO LE MARIONETTE DEI COLLA 23 SETTEMBRE

Scopri il programma… di Infanzia e città 2017 

La Carlo Colla & Figli, dopo aver affrontato negli anni scorsi la commedia classica (La famiglia dell’antiquario) e la grande opera lirica italiana (Turandot) torna a uno dei temi classici del suo repertorio, la fiaba con HANSEL E GRETEL.

La rassegna “Infanzia e città” ospita la più celebre delle compagnie marionettistiche, ambasciatrice di quest’arte nel mondo, al Teatro Manzoni il 23 settembre alle ore 21 per la gioia di grandi e piccini (dai 5 ai 99 anni).

http://www.teatridipistoia.it/spettacoli/hansel-e-gretel/

La vicenda di Hansel e Gretel è, nella storia della letteratura, una delle più terribili e sconcertanti: la fame, il bisogno, una matrigna che vuole liberarsi dei figli, una strega nel bosco che cattura i bambini e li mette all’ingrasso controllandone la rotondità giorno per giorno prima di arrostirli e mangiarli. Il tutto fra un casolare, un bosco e una casa di marzapane pronta a trasformarsi in un antro spaventoso. E tanti dolci! Tutti questi elementi, tipici di una iniziazione, non potevano che suscitare la curiosità del marionettista che ben sa come trasformare ogni elemento per soddisfare l’idea della metafora e del simbolo.

Note di regia

Niente fate, incantesimi, aiutanti magici. Solo la realtà con i suoi eventi e le sue tentazioni. I protagonisti si muovono in un mondo in cui le calamità naturali, la mancanza di lavoro, la povertà e la cupidigia fanno da sfondo.Per una volta, però, la matrigna è creatura positiva, che acquista una valenza amorosa. Ma i due piccoli sono trascinati, loro malgrado, a vivere un percorso iniziatico in cui solo la loro sensibilità e il loro buon senso li condurranno a lieto fine. I dolciumi: le tentazioni di sempre, oggi, forse, ben più terribili. Tutti lieti alla fine perché sicuri di sé negli affetti, nei ricordi e nella vita di sempre. E nessuno spinto nel forno a cuocere!

Eugenio Monti Colla


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter