26 settembre 2019Teatro Bolognini

AL VIA GLI INCONTRI MUSICALI DI FLOEMA | 11-13 ottobre Santomato/Uzzano/Pistoia

La linfa di Floema, il progetto promosso dall’Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con la Fondazione Pistoiese Promusica e con il sostegno della Fondazione Caript, è nuovamente pronta a permeare il territorio di Pistoia e Provincia. Riprende infatti la stagione di incontri musicali ad ingresso libero che connette i musicisti dell’Orchestra Leonore con le realtà operanti sul nostro territorio, nell’obiettivo di sviluppare un vero e proprio ecosistema musicale.

VAI AL PROGRAMMA

Si parte venerdì 11 ottobre (ore 21.00) a Santomato presso la Chiesa di Santa Maria Assunta, per proseguire sabato 12 ottobre (ore 18) a Uzzano Castello presso la Chiesa dei Santi Jacopo e Martino, e concludere domenica 13 ottobre (ore 17.30) a Pistoia al Convento di Giaccherino.

Protagonista un sestetto d’archi composto dai musicisti della prestigiosa Orchestra Leonore: i violini Eleonora Matsuno e Misia Jannoni Sebastianin, le viole Francesca Turcato e Jamiang Santi, i violoncelli Cosimo Carovani e Giovanni Inglese. Per il ciclo “Caro Johannes”, che prevede l’esecuzione integrale della musica da camera di Johannes Brahms nell’ambito del progetto Floema, i musicisti della Leonore eseguiranno il Sestetto per archi n. 2 in sol maggiore, op. 36, composto tra il settembre del 1864 e il maggio ’65.

A lungo questo Sestetto è stato chiamato coi titoli apocrifi di “Sestetto degli addii” o di “Sestetto di Agathe”, perché collegato al legame di Brahms con Agathe von Siebold, l’affascinante figlia d’un professore universitario di Gottinga che il compositore era quasi arrivato a sposare nel 1859. Brahms non solo troncò la relazione ma non rivide mai più Agathe; dovette tuttavia continuare ad amarla segretamente, poiché parlando agli amici anni dopo esclamò a proposito di questo Sestetto: «È qui che mi sono liberato del mio ultimo amore!»

Floema è anche, per sua stessa missione, luce sulla musica nuova e contemporanea: in questo primo appuntamento verrà proposto il Miserere per coro e archi di Federico Maria Sardelli (v. breve bio in calce), composto appositamente per Floema e presentato a Santomato in prima esecuzione assoluta.

L’esecuzione è affidata gli archi della Leonore a cui si affiancano i cantori del Coro “Città di Pistoia”, diretti da Gianfranco Tolve: è anche in questo dialogo fecondo tra i musicisti di caratura internazionale dell’Orchestra Leonore e le realtà musicali amatoriali del territorio che risiede la missione culturale e la filosofia di Floema.

Il Salmo 50, il Miserere, è uno dei testi più profondi del salterio ed è da secoli oggetto di intonazioni musicali tendenti ad esaltare l’aspetto tragico del testo. Sardelli, artista dal multiforme talento – compositore, pittore, scrittore satirico, direttore d’orchestra, massimo esperto di Vivaldi – che padroneggia perfettamente il linguaggio e lo stile compositivo della musica del passato che ama particolarmente, ha musicato solo una parte del lungo salmo davidico e l’ha suddiviso in 4 movimenti, più un quinto per la dossologia (Gloria Patri) a scandire i diversi caratteri emergenti dal testo. Il linguaggio adottato è quello dei salmi in stile concertato della tradizione barocca veneziana, uno stile colorito che unisce alla finezza della scrittura polifonica e contrappuntistica tutto il brio e la forza della musica strumentale.

TUTTI GLI INCONTRI SONO AD INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI.

Info 0573 991609 – 27112 www.teatridipistoia.it | www.fondazionepromusica.it

______________________________

IL PROGRAMMA

 

VENERDÌ 11 OTTOBRE ore 21.00 – Chiesa di Santa Maria Assunta, Santomato, Pistoia

SABATO 12 OTTOBRE ore 18.00 – Chiesa dei Santi Jacopo e Martino, Uzzano Castello

DOMENICA 13 OTTOBRE ore 17.30 – Convento di Giaccherino, Pistoia

 

Programma:

Johannes Brahms Sestetto per archi n. 2 in sol maggiore, op. 36 – ciclo CARO JOHANNES

Federico Maria Sardelli  “Miserere” per coro e archi (nuova composizione per Floema – PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA)

 

Interpreti:

DALL’ORCHESTRA LEONORE: Eleonora Matsuno e Misia Jannoni Sebatianini violini, Francesca Turcato e Jamiang Santi viole, Cosimo Carovani e Giovanni Inglese violoncelli

 

INSIEME A Coro Città di Pistoia (Maestro del coro: Gianfranco Tolve)

 

In collaborazione con: Associazione di Promozione Sociale Oscar Romero, Accademia Musicale Uzzanese “G. Puccini”, Convento di Giaccherino – Associazione Culturale In collaborazione con Associazione Musicale MaBerline

 

Floema è un progetto della Fondazione Pistoiese Promusica che nasce con l’obiettivo di far giungere nutrimento musicale in profondità nel tessuto sociale, raggiungendo nuovi luoghi e persone che abitualmente non frequentano la musica d’arte, né i tradizionali spazi a essa riservati. Prerogativa di Floema è che i musicisti dell’Orchestra Leonore, in sinergia con le realtà locali e amatoriali, in un reciproco scambio di prospettive, eseguano brani del grande repertorio cameristico e nuova musica appositamente composta offrendo spunti per un ascolto più consapevole.

 

FEDERICO MARIA SARDELLI. Direttore d’orchestra, compositore, flautista, musicologo, pittore, incisore ed autore satirico. È direttore principale dell’Accademia Barocca di S. Cecilia e ospite regolare del Maggio Musicale Fiorentino, la Moscow State Chamber Orchestra e molte altre. Ha fondato nel 1984 l’orchestra barocca Modo Antiquo. Ha inciso più di quaranta dischi per Naïve, Deutsche Grammophon, Sony, Dynamic, Brilliant. Due volte nominée ai Grammy Awards (1997, 2000). Ha inciso le prime rappresentazioni mondiali di numerose opere vivaldiane inedite. È membro dell’Istituto Vivaldi della Fondazione G. Cini di Venezia e responsabile del catalogo vivaldiano (RV). Numerosissime le sue pubblicazioni musicali e musicologiche per Bärenreiter, Ricordi, SPES, Fondazione G. Cini. Il suo romanzo “L’affare Vivaldi” (Sellerio) ha vinto il Premio Comisso per la Narrativa ed è diventato un bestseller, tradotto in molte lingue.

 


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter